Fondazione Teatro Piemonte Europa

TRIC
direttore: Valter Malosti
sale: Teatro Astra, Sala prove

SEDE LEGALE
Via Rosolino Pilo 6, 10143 Torino
SEDE ORGANIZZATIVA
Via Santa Teresa 23, 10121 Torino
telefono: 011 5119409, 349 1534998
email: fabio.rizzio@fondazionetpe.it
fondazionetpe.it

TPE è nato nel 2007 (probabilmente è il più giovane Teatro di Rilevante Interesse Culturale), guardando all’Europa e con un po’ di fastidio per la stanchezza dei meccanismi della vita teatrale italiana. Prima era stato un festival di successo (Teatro Europeo, poi Teatro a Corte), che aveva cercato per anni, nelle contrade più lontane del nostro continente, il meglio dell’innovazione contemporanea nello spettacolo dal vivo; per metterla a confronto con lo splendore barocco delle dimore sabaude del Piemonte, in un cimento creativo tra il presente e il passato. TPE, fondazione partecipata dalla Regione Piemonte e poi dal Comune di Torino, ha fin dall’inizio perseguito lungo due linee fondamentali di sviluppo: le relazioni internazionali, mettendo a frutto l’esperienza e la credibilità acquisita in lunghi anni di festival; e la crescita di una compagnia stabile di giovani attori under 35, intorno a lunghi stage di ricerca che sfociavano in spettacoli maturi per il pubblico. Il che ha portato al successo con progetti europei e coproduzioni, dapprima con la Francia (Théâtre La Passerelle di Gap, quatto spettacoli dal 2077 al 2009) e poi con la Polonia (Teatr Śląski di Katowice, due spettacoli coprodotti, stage e una serie di ospitalità incrociate nei nostri cartelloni). Ma è soprattutto la politica di sostegno alla creatività giovanile che ha, a poco a poco, conquistato un pubblico numeroso e fedele (2.411 abbonati all’ultima stagione; oltre 29436 spettatori complessivi), un volume di attività così imponente da meritarci nel 2015 il riconoscimento di Teatro di Rilevante Interesse Culturale. Per questo, il nostro progetto triennale continua ad insistere sui giovani: cinquantasette attori e dodici tecnici scritturati dal 2 gennaio al 1 maggio 2016 per dar vita insieme a otto registi a I Tre Moschettieri sono il sintomo di una testardaggine che finora ci ha portato fortuna e che nella stagione in corso vede quegli stessi giovani impegnati in ben sei produzioni.